Jack the ripper
#1
Ieri sera mi sono tagliata un dito: uscivo dal lavoro e cercavo in borsa i guanti. Nel gesto di "rimestare" il contenuto dell accessorio femminile per antonomasia sono finita col polpastrello sulla lama di un rasoio...chi di noi non ha un rasoio (a lama scoperta) in borsa?!

Sangue. Tanto.
E dolore e spavento (ho un problema col sangue).
Nonostante le gambe molli torno in ufficio (in cui non c era piu nessuno) dove c'è la cassettina del pronto soccorso e cerco di medicarmi. Operazione non facile tra paura, mobilità e agilità compromessa e rivoli di sangue che imbrattavano tutto.

Sono stata riportata a casa e sono subito andata nella farmacia vicina dove mi conoscono da anni e lì ci hanno messo 20 minuti per siatemare il dito. 
Mi hanno dovuto far sedere perchè, forse per la  quantità, forse per il problema che ho col sangue, forse perchè la sensazione fisica di questa farmacista che ripetutamente tamponava il taglio ma questo continuava a zampillare...stavo svenendo....

Bene...

La persona che era con me non è venuta nè ad aiutarmi mente cercavo in ufficio di sistemare il taglio con le cose della cassettina del pronto soccorso, nè in farmacia: mi ha mollata sotto casa e tanti saluti al piffero. Potevo pure svenire nel tragitto per la farmacia...

Vorrei davvero sapere se uno di voi mi avrebbe lasciato sola: io credo che neanche se vi avessi detto 30 secondi prima di aprirmi il dito "ciao, sono Zupper" lo avreste fatto.

Oggi faccio i conti con la "delusione": quella talmente profonda che sbbraccia ogni cosa che riguarda la sua origine e non ho voglia di alcuna interazione con la persona da cui mi aspettavo un comportamento diverso.

Poi passo a valutare il perchè è successo: dipende da me e dal mio modo "fieramente autonomo" di affrontare i miei problemi?
(Certo é che nella specifica situazione avevo palesato sia la paura che avevo sia i problemi che ho alla vista di così tanto sangue).

Sono le 7.15 e devo alzarmi anche se non ne ho voglia.
The following 1 user Likes Zupper's post:
  • Kurayami
Like Cita messaggio
#2
(12-12-2018, 9:16 )Zupper Ha scritto: Vorrei davvero sapere se uno di voi mi avrebbe lasciato sola

Siamo maschi.
Saremmo tutti svenuti.
"Eliminare per Eleggere"
[Franco Fontana]
The following 1 user Likes Kurayami's post:
  • Zupper
Like Cita messaggio
#3
Non ti conosco dal vivo

Ma se fai la femminista autonoma

E non abbiamo avuto rapporti sessuali

O in procinto di avvenire

A seconda dei miei cazzi per la testa e l'impressione che dai di te con i piccoli atteggiamenti, soprattutto se poco femminili

Io potrei non averti neanche riaccompagnata a casa

E mi verrebbe pure da ridere nel migliore dei casi o rigetto e schifo nei peggiori (fino al fastidio di toccarti ed eccitazione nel vederti sempre più debole e vedendo il sangue), quando mi racconti di che cucciola debole e indifesa sei quando hai bisogno di un maschio quando fa comodo

Quindi non conoscendo né te né lui
Mi viene spontaneo chiedermi che tipo di rapporto avete e cosa hai fatto tu per lui finora
Disinteressatamente eh
Solo per la gioia di amare donando senza pretendere

Quando parlo di amore non intendo amore da coppia e riproduzione in funzione del bambino

Parlo di amore per i maschi e per il maschio in particolare che ti porta ad volergli bene a prescindere da tutto il resto e tutti gli altri (società, cazzate varie)
Like Cita messaggio
#4
(12-12-2018, 9:16 )Zupper Ha scritto: La persona che era con me non è venuta nè ad aiutarmi mente cercavo in ufficio di sistemare il taglio con le cose della cassettina del pronto soccorso, nè in farmacia: mi ha mollata sotto casa e tanti saluti al piffero. Potevo pure svenire nel tragitto per la farmacia...

Tre anni fa mi feci 3 giorni d'ospedale. Una colica che non passava... si rivelò poi una cazzata: si era sovrapposta un'indigestione con un colpo di freddo.
Non trovai al mio fianco alcune delle persone che mi sarei aspettato di trovare.
Trovai al mio fianco, invece, alcune persone che mai mi sarei aspettato.

Cosa vuol dire... almeno IMHO.
Vuol dire che quello che facciamo per una persona non dobbiamo aspettarci che sia "automaticamente" ricambiato.
Ossia, non è assolutamente detto che se io ti aiuto quando sei in difficoltà devo poi aspettarmi "di diritto" che tu mi aiuti quando sarò io in difficoltà.

Ed è una cosa che non dipende neanche completamente dal tipo di rapporto e di intimità.
Del resto, ai tempi della colica, neanche saprei dirti se mi stavo vedendo con qualcuna oppure no.
Perché mi son rimaste impresse le persone che mi chiamarono e mi vennero a trovare.

E non dipende dal problema, perchè le persone percepiscono i problemi diversamente.
A me il sangue non mi impressiona, un taglio se grave, pronto soccorso, al massimo qualche punto di sutura... e buona lì.
Quindi, magari, posso dare per scontato che sia lo stesso anche per te... se NON so che in realtà il sangue ti impressiona e potresti svenire.

E sto tenendo fuori, perchè già l'han evidenziato altri, il rapporto personale che potrebbe esserci tra voi due.

(12-12-2018, 9:16 )Zupper Ha scritto: Vorrei davvero sapere se uno di voi mi avrebbe lasciato sola: io credo che neanche se vi avessi detto 30 secondi prima di aprirmi il dito "ciao, sono Zupper" lo avreste fatto.

- ciao, sono Zupper
- e chi cazz'è ?! (cit.)

Nel '35 si diffuse la voce, attraverso un articolo, che Einstein fosse stato rimandato in matematica.
Einsten ridendo, commentò:"Non solo non è vero, ma a 14-15 anni già padroneggiavo differenziali ed integrali"
[size=x-small]W. Isaacson - "Einstein" - Mondadori.[/size]
Like Cita messaggio
  




Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

Jack the ripper0